#Cartabianca: Interrogazione di Anzaldi sulle ospitate di Maddalena Loy

Maddalena Loy, ospite di #Cartabianca su Rai3

di Marco Zonetti 🖋️

Ieri sera, martedì 30 novembre 2021, è andato in onda come di consueto su Rai3 #Cartabianca condotto da Bianca Berlinguer. A parte il siparietto iniziale con Mauro Corona – lui, che diede della “gallina” alla conduttrice, finendo ostracizzato per vari mesi dal programma – che disquisiva di sessismo riguardo al caso di Greta Beccaglia, la giornalista di Toscana Tv molestata in diretta televisiva, si è poi assistito a un dibattito su terza dose, vaccini e variante Omicron tra vari ospiti, ovvero Nicola Fratoianni, Eleonora Daniele, Flavio Briatore, Matteo Bassetti, Maurizio Belpietro e Maddalena Loy, quest’ultima da qualche settimana presenza fissa nel salotto della Berlinguer.

Presenza fissa per l’appunto, quella della Loy a #Cartabianca, sulla quale il Segretario della Commissione di Vigilanza Rai Michele Anzaldi ci ha annunciato in anteprima e in esclusiva una sua interrogazione alla Presidente Rai Marinella Soldi e all’Amministratore Delegato Carlo Fuortes.

“Da tre settimane” dichiara a VigilanzaTv l’On. Anzaldi, “#Cartabianca su Rai3 invita l’esponente no-vax Maddalena Loy, in qualità di rappresentante del comitato contro vaccini e Green Pass “Rete nazionale scuole in presenza”, con continui battibecchi con esponenti del mondo scientifico come Bassetti e Galli. La Rai fa informazione su una questione delicata come la campagna vaccinale proponendo una sorta di Par Condicio tra scienza e derive antiscientifiche? E’ questo il servizio pubblico? La presenza della no-vax Loy in trasmissione è pagata o è a titolo gratuito?”

E ancora: “Si può maltrattare un ospite, addirittura usando espressioni che non vorremmo mai sentire in una trasmissione come “stia zitta!” urlato con voce alterata contro Loy, e poi continuare a fare venire quell’ospite? E’ un gioco delle parti a spese della campagna vaccinale? Ho depositato un’interrogazione alla Rai”.

Segnalando che ieri il programma della Berlinguer con il suo 4.8% di share e 935.000 spettatori è risultato fanalino di coda negli ascolti televisivi rispetto ai concorrenti Fuori dal Coro su Rete4 (5.9% – 983.000) e diMartedì su La7 (5.5% – 1.105.000), ecco di seguito, in anteprima per VigilanzaTv, l’interrogazione del Segretario della Vigilanza Anzaldi:

INTERROGAZIONE ALLA PRESIDENTE E ALL’AMMINISTRATORE DELEGATO RAI

Premesso che

Per tre settimane di seguito, nelle puntate del 16, del 23 e del 30 novembre, la trasmissione di Rai3 #Cartabianca ha ospitato in studio l’esponente no-vax Maddalena Loy, in qualità di rappresentante del comitato contro vaccini e Green Pass “Rete nazionale scuole in presenza”.

Nelle ospitate Loy si è distinta per i continui battibecchi con esponenti del mondo scientifico, come gli infettivologi Matteo Bassetti, direttore clinica Malattie infettive policlinico San Martino di Genova, e Massimo Galli, direttore del reparto di Infettivologia dell’ospedale Sacco di Milano, perfino con la contestazione dei dati scientifici ricordati dagli esperti, tanto da essere più volte apostrofata dalla conduttrice. Addirittura nella puntata del 23 novembre Bianca Berlinguer è arrivata ad utilizzare verso Loy un’espressione dura come “Stia zitta!”, che non si dovrebbe mai sentire rivolta verso nessuno in un dibattito televisivo, a maggior ragione nel servizio pubblico.

Pur con il susseguirsi di episodi disdicevoli di vero e proprio disturbo del dibattito in studio che hanno visto Loy protagonista, e che certamente non hanno contribuito a dare un’informazione chiara e approfondita ma hanno solo alimentato confusione come ammesso dalla stessa conduttrice, l’esponente no-vax ha continuato ad essere invitata, dando l’impressione che ci sia un gioco delle parti per una sorta di rappresentazione sceneggiata sui vaccini, come se possa esserci una Par condicio tra scienza e derive antiscientifiche.

Si chiede di sapere

Se le continue ospitate a #Cartabianca su Rai3 dell’esponente no-vax Maddalena Loy, in qualità di rappresentante del comitato contro vaccini e Green Pass “Rete nazionale scuole in presenza”, siano retribuite oppure se la sua presenza sia a titolo gratuito.
Se l’azienda ritenga compatibile con un’informazione corretta ed equilibrata proporre una sorta di Par Condicio tra scienza e derive antiscientifiche su una questione delicata come la campagna vaccinale, principale strumento di lotta contro la pandemia, in un momento critico come l’inizio della cosiddetta quarta ondata.

error: Content is protected !!