Rai, Ferragni in pole per Eurovision. Anzaldi: “Fedez ha ritirato la sua controquerela?”

Fedez Chiara Ferragni Rai querela
Fedez e Chiara Ferragni

di Marco Zonetti 🖋️

Una notizia di Alberto Dandolo per Oggi, rilanciata da Dagospia, vede riprendere quota il progetto della Rai di assoldare Chiara Ferragni per la conduzione dell’Eurovision Song Contest, andando così ad affiancare Alessandro Cattelan, già reclutato mesi fa “a scatola chiusa” dal Direttore di Rai1 Stefano Coletta prima del leggendario fiasco di Da Grande.

Quando, nel luglio scorso, si era già ventilata l’ipotesi del reclutamento di Ferragni per l’Eurovision, il Segretario della Commissione di Vigilanza Rai Michele Anzaldi aveva definito inopportuna la scelta visto che era in sospeso la questione della querela della Rai a Fedez, marito dell’influencer, per la vicenda del Concerto del Primo Maggio. Il Deputato di Italia Viva sollevava però il sospetto che l’annuncio della querela da parte di Viale Mazzini al rapper – per un enorme “danno d’immagine” all’azienda, secondo il Direttore di Rai3 Franco Di Mare – fosse stato un mero espediente per bloccare i lavori della Vigilanza che aveva chiesto di audire Fedez per accertare la verità sulla famigerata telefonata intercorsa tra lui e la Vicedirettrice di Rai3 Ilaria Capitani. Una telefonata registrata dal rapper e pubblicata sui suoi profili social, gridando alla “censura” da parte della Rai.

Il sospetto dell’On. Anzaldi si è tramutato in realtà quando, qualche tempo fa, il nuovo Ad Rai Carlo Fuortes ha confessato che la querela della Rai al cantante non era mai partita. Da allora Fedez ha partecipato per ben due volte a Che tempo che fa condotto su Rai3 da Fabio Fazio, che gli ha fatto ponti d’oro, panegirici, peana, e promozioni preziose al nuovo disco.

Decaduta l’ipotesi di querela della Rai a Fedez, la questione d’inopportunità nel reclutare la moglie di quest’ultimo per l’Eurovision decadrebbe a sua volta, se non restasse sul banco un elemento ancor più delicato. Ce lo svela sempre Michele Anzaldi, che ci racconta come, nell’ultimo Ufficio di Presidenza della Commissione di Vigilanza Rai, fra i vari argomenti discussi si è parlato proprio di Fedez. La sua audizione annunciata e poi cancellata giocoforza dopo l’annuncio della querela (risultata infine fasulla) da parte della Rai ha finito per umiliare suo malgrado la Commissione – sbertucciata dal cantante con delle emoticon raffiguranti pagliacci – e i parlamentari della Vigilanza se la sono legata al dito.

Durante la discussione, dunque, la Senatrice Daniela Santanchè, Capogruppo di Fratelli d’Italia in Commissione di Vigilanza, ha sollevato una nuova questione: se è vero che la Rai non ha mai fatto partire la querela a Fedez, quest’ultimo aveva invece annunciato una controquerela a Franco Di Mare, Direttore di Rai3. Con tali motivazioni: “Siccome il direttore di Rai3, il signor Di Mare, in Commissione Vigilanza Rai ha detto che io avrei fatto tutto questo e avrei organizzato tutto questo con i giornalisti per tramare alle sue spalle, ma io non sapevo nemmeno chi ca*zo fosse fino al 3 di maggio, e siccome ho letto delle robe abominevoli. Allora, lo dico come lo direbbe un leghista in Commissione Vigilanza Rai: atto doveroso, denuncerò per diffamazione il direttore di Rai3”. 

Secondo la Senatrice Santanchè, dunque, la controquerela presentata da Fedez contro Di Mare non sarebbe mai stata ritirata. Se ciò fosse confermato, significherebbe che il cantante da allora è stato comunque ospite pagato – e per ben due volte – sul canale Rai diretto da Di Mare, e c’è la possibilità che la moglie venga addirittura reclutata per l’Eurovision, con un cachet ovviamente faraonico. “Prima di tutto ciò, sarebbe il caso che la Rai facesse finalmente chiarezza: la controquerela di Fedez a Franco Di Mare è stata mai presentata? E in caso affermativo, è stata ritirata o no?” si domanda Michele Anzaldi, da noi interpellato al riguardo.

Intanto, una piccola nota di colore sempre restando in argomento: chissà cosa ne pensano il Direttore Franco Di Mare, e in ultima analisi i vertici della Tv pubblica, del fatto che – poco più di un mese prima di essere nominata Consigliera di Amministrazione Rai in quota Pd (ma con passato ultragrillino)Francesca Bria ritwittasse il post di Fedez, da sempre vicino al M5s, con tanto di video della telefonata nella quale il rapper intendeva accusare la Rai di censura ai suoi danni.

error: Content is protected !!