Crea sito

Film Tv martedì 12 gennaio: Il caso Spotlight, La chiave di Sara, Promised land, Wyatt Earp

Oggi abbiamo scelto per voi Il caso Spotlight, La chiave di Sara, Promised Land, Wyatt Earp

Rai 5 (canale 23), 21.15

Una scena de Il caso Spotlight

Il caso Spotlight (Spotlight, USA/Canada, 2015) regia di Tom McCarthy. Con Mark Ruffalo, Michael Keaton, Rachel McAdams, Liev Schreiber, John Slattery, Brian d’Arcy James, Len Cariou, Stanley Tucci.

Estate 2001. Al Boston Globe il nuovo direttore (Keaton) vuole che il giornale tratti, da quel momento in poi, anche casi scottanti. Invita quindi i suoi giornalisti d’inchiesta Michael Rezendes (Ruffalo), Sacha Pfeiffer (Mc Adams) e Matt Carroll (d’Arcy James) a indagare su un caso di pedofilia. Su un prete che aveva abusato di decine di parrocchiani. Un caso che il potente arcivescovo Law (Cariou) era riuscito a insabbiare. Si arriverà a identificare ben ottantasette preti coinvolti in abusi prima che la tragedia dell’11 settembre giunga a ritardare la pubblicazione dell’inchiesta.

Il regista (che ha collaborato anche alla sceneggiatura) – grazie anche alla grande performance degli interpreti – ci offre un “saggio” sul giornalismo d’inchiesta. Sei candidature, due Oscar: miglior film e migliore sceneggiatura originale. Qui il trailer

Tv 2000 (canale 28), 21.10

Kristin Scott Thomas in una scena de La chiave di Sara

La chiave di Sara (Elle s’appelait Sara, FR, 2010) regia di Gilles Paquet-Brenner. Con Kristin Scott Thomas, Mélusine Mayance, Niels Arestrup, Frédéric Pierrot.

La giornalista americana Julia Jarmond (Sott Thomas) che vive a Parigi con la famiglia, nell’indagare sul rastrellamento nazista di Vel d’Hiv (velodrome d’hiver) scopre che la casa che il marito architetto ha da poco ristrutturato per vivere al Marais era appartenuta a una famiglia ebrea. Julia, già in crisi coniugale, si rifiuta di trasferirvisi. E l’oggetto di un articolo giornalistico diventa così per lei qualcosa di più, nel momento in cui decide di ricostruire la storia della piccola Sara (Mayance), che riuscì a fuggirne prima di essere deportata ad Auschwitz senza tuttavia riuscire a salvare il fratellino. La ricostruzione dei fatti sarà difficile perché i documenti furono distrutti per celare il fatto. E, come prevedibile, dolorosa. Ma offrirà alla giornalista un inaspettato epilogo.

Intensa la recitazione della Scott Thomas. Il soggetto è tratto dal best seller omonimo di Tatiana De Rosnay, che il regista ha adattato con Serge Joncour. Qui il trailer

Tv 2000 (canale 28), 23.00

Matt Damon in una scena di Promised land

Promised land (USA/Eau, 2012) regia di Gus Van Sant. Con Matt Damon, John Krasinski, Frances McDormand, Rosemarie De Witt.

Due impiegati del gigante dell’energia Global Croospower Solutions, Steve Butler (Damon) e Sue Thomason (Mc Dormand) devono convincere gli agricoltori di una zona depressa della Pennsylvania a lasciar trivellare i loro terreni in cerca di gas naturale col rischio di causare gravi danni all’ambiente, alle colture, agli animali. Butler deve così confrontarsi con un anziano professore di scienze che mette in guardia la comunità, e con l’ecologista Dustin Nobel (Krasinsky).

Damon e Krasinski (sceneggiatori e produttori) riducono per il cinema un soggetto di Dave Eggers rendendo una fedele rappresentazione della crisi dell’America rurale. E dell’operato delle compagnie alla ricerca di idrocarburi. Il film, che sarebbe dovuto essere l’esordio dietro la macchina da presa di Matt Damon, è stato poi diretto da Gus Van Sant, lo stesso regista che diresse Damon in Will Hunting-genio ribelle e Scoprendo Forrester (ma anche nel meno noto Gerry). Ma il livello artistico non è lo stesso. Resta però alto il valore di denuncia sociale. Qui il trailer

Iris (canale 22), 23.00

Kevin Costner è Wyatt Earp

Wyatt Earp (USA, 1994) regia di Lawrence Kasdan. Con Kevin Costner, Dennis Quaid, Gene Hackman, Isabella Rossellini, Joanna Going, Bill Pullman, Jim Caviezel.

Il film è il racconto di trent’anni di vita del più famoso sceriffo del West, Wyatt Earp (Costner). Che, persa la moglie a causa del tifo, si trasferisce dal Missouri verso ovest. Si stabilisce a Tombstone con i fratelli e Josie Marcus (Joanna Going), la donna che resterà al suo fianco per ben quarantasette anni. Lì diventa un duro sceriffo, dai modi spicci. Persi i fratelli per mano del clan Clanton, si allea con Doc Hollyday (Quaid) per vendicarli. L’O.K. Corral sarà il palcoscenico della sfida.

Il più famoso sceriffo del West, che arriva a compiere ottant’anni senza essere mai stato raggiunto da una pallottola, diventa con Kasdan una sorta di giustiziere senza legge. Ben altro dall’eroe tramandato dal mito, già raccontato da Allan Dwan nel 1939 (Gli Indomabili), John Ford nel 1946 (Sfida infernale), John Sturges nel 1957 (Sfida all’O.K. Corral), da Frank Perry nel 1971 (Doc) e da George P. Cosmatos nel 1993 (Tombstone). Pregevole la fotografia di Owen Roizman. Qui il trailer originale

Segnaliamo inoltre:

Siamo uomini o caporali? (1955, regia di Camillo Mastrocinque) su RaiMovie alle ore 6.50      [trailer]

Terra lontana (1954, regia di Anthony Mann) su Rete4 alle ore 16.45                                    [trailer]

Giovane e bella (2013, regia di François Ozon) su Cielo alle ore 23.15                                    [trailer]

Quel che sapeva Maisie (2012, regia di McGehee/Siegel) su RaiMovie alle ore 23.10          [trailer]

Robin Hood-principe dei ladri (1991, regia di Kevin Reynolds) sul Nove alle 23.55                 [trailer]

Storia di un peccato (1975, regia di Walerian Borowczyk) su Cielo alle ore 1.00                     

  Programmazione odierna in pay-tv:

Sky

Fox

Mediaset Premium

National Geographic

Discovery Channel

Fonti

Paolo Mereghetti, Il Mereghetti. Dizionario dei film 2021 © 2020 by Paolo Mereghetti, Baldini+Castoldi s.r.l., Milano

Laura, Luisa e Morando Morandini, il Morandini su www.mymovies.it

error: Content is protected !!