Crea sito

Film Tv venerdì 5 marzo: Eastwood, Bigelow, Fincher, Kubrick

Film Tv venerdì 5 marzo 2021. Oggi abbiamo scelto per voi Space Cowboys di Clint Eastwood, The Hurt Locker di Kathryn Bigelow, L’amore bugliardo di David Fincher e Shining di Stanley Kubrick.

Iris (canale 22) 21.00

Space Cowboys (avventura, USA, 2000) regia di Clint Eastwood. Con Clint Eastwood, James Garner, Tommy Lee Jones, Donald Sutherland, Jay Reno

Clint Eastwood è Frank Corvin in Space Cowboys

Frank D. Corvin (Eastwood), veterano pilota della Nasa, viene richiamato dopo quarant’anni per riparare un antiquato satellite di telecomunicazioni in avaria, apparentemente innocuo. Rimette quindi in piedi la sua vecchia squadra, ora fatta di un malato di cancro (Lee Jones), un donnaiolo impenitente (Sutherland) e un predicatore (Garner) per raggiungerlo via shuttle. Ma il satellite si rivela una grave minaccia per la Terra. E uno di loro sarà costretto a spostarlo sulla Luna. Sulle note di Fly me to the Moon cantata da Frank Sinatra (accompagnato dall’orchestra di Count Basie).

Clint Eastwood e Tommy Lee Jones in una scena di Space Cowboys

L’umorismo stempera quindi la drammaticità della situazione. E anche il fatto che la vicenda coinvolga uomini alla loro “seconda occasione” (e per qualcuno ultima). Su sceneggiatura di Ken Kaufman e Howard Klausner, Clint Eastwood, qui regista e produttore settantenne, “pilota” ammirevolmente un altro film, con proverbiale understatement, mescolando con sapiente leggerezza il registro umoristico col drammatico. Coerente con la sua concezione artigianale del cinema, ricorre agli effetti speciali subordinandoli al racconto e rivendicando la centralità delle doti umane (manualità, intuito, libertà di scelta) contro la supremazia della tecnologia (Morandini). Qui il trailer originale

Rai Movie (canale 24) 21.10

The Hurt Locker (guerra, USA, 2008) regia di Kathryn Bigelow. Con Jeremy Renner, Guy Pearce, Anthony Mackie, Ralph Fiennes, David Morse, Evangeline Lilly

Baghdad, 2004. Il sergente William James (Renner) rischia ogni giorno la vita sul fronte iracheno per disinnescare mine e ordigni di ogni tipo. Ma il suo metodo sprezzante delle regole mette in difficoltà il sergente Sanborn (Mackie), che ha il compito di guardargli le spalle. E nonostante a casa lo attenda una bella moglie (Lilly), nulla è per lui più eccitante del fronte. Soprattutto se vi si sta, come lui, per salvare vite umane.

Kathryn Bigelow sceglie questa chiave per raccontare il conflitto iracheno: descrivere la quotidianità dei soldati americani, in una guerra che è stata per lo più “spettacolarizzata”, senza calcare la mano sul grottesco o la denuncia. Finendo, più o meno involontariamente, per dar espressione a uno stato d’animo sempre più diffuso su suolo americano . Quello per cui, dopo le guerre «patriottiche» e quelle «imperialiste», l’America non saprebbe più dare giudizi morali sulle guerre che combatte.

Mark Boal, giornalista dal fronte iracheno e già co-autore del soggetto di Nella valle di Elah, ha collaborato alla sceneggiatura con la regista. Che agli Oscar ha battuto addirittura il kolossal dell’ex marito James Cameron. Aggiudicandosi, prima donna nella storia del cinema, il prestigioso premio per la migliore regia. Ma anche per il miglior film, sceneggiatura originale, montaggio, sonoro e montaggio del suono, per un totale di sei Oscar. Girato prevalentemente in Giordania, «hurt locker», alla lettera «cassetta del dolore», è un’espressione gergale ad uso militare per esprimere pericolo estremo (Mereghetti). Qui il trailer

Rai 3, 21.20

Rosamund Pike è la Mitica Amy

L’amore bugiardo (Gone Girl, thriller, USA, 2014) regia di David Fincher. Con Ben Affleck, Rosamund Pike, Neil Patrick Harris, Tyler Perry, Carrie Coon, Kim Dickens, Emily Ratajkovski

Nick (Affleck), disoccupato ex scrittore di belle speranze, torna a casa una mattina senza più trovare la giovane e bella moglie Amy (Pike). Segni di colluttazione, con tracce di sangue, lasciano intendere che sia stata rapita e che si sia allontanata contro la sua volontà. O peggio. La polizia indaga sulla scomparsa della donna e i sospetti ricadono su Nick, compagno dai mille lati oscuri e fedifrago bersagliato dai media che lo indicano da subito come assassino. Intanto procede il racconto parallelo di Amy che, su un diario, registrava la sua parabola coniugale da giovane sposa felice a moglie insoddisfatta e abusata dal marito. Oltre che non all’altezza delle aspettative dei genitori, autori della saga letteraria della “Mitica Amy”, una sorta di alter ego vincente della figlia. Ma dov’è finita Amy? Nick l’ha veramente assassinata? E possibile che, dal mondo dei morti, la moglie stia cercando d’incastrarlo con mille indizi disseminati ad arte per farlo condannare? Mai sottovalutare la Mitica Amy e il suo desiderio di vendetta, anche “dall’Oltretomba”.

Ben Affleck in una scena de L’amore bugiardo

Tratto dal romanzo di Gillian Flynn, in mani sbagliate avrebbe potuto trasformarsi in un banale thriller televisivo. Fincher costruisce invece un’avvincente storia d’amore e di morte hitchcockiana con tanto di bionda e algida protagonista (Rosamunde Pike, candidata all’Oscar). Fra gli echi de La Donna che visse due volte, Affleck riesce nella non facile impresa di attirarsi le antipatie e al tempo stesso la solidarietà dello spettatore. Nel cast anche Emily Ratajkovski nella parte della giovanissima amante di Nick. Brava Kim Dickens nei panni della cinica, sbrigativa e intelligente poliziotta “persecutrice” del marito sospettato nonché mostro sbattuto in prima pagina. Qui il trailer.

Italia 1, 21.20

Jack Nicholson

Shining – Extended Edition (The Shining – Extended Edition, horror, USA/GB, 1980) regia di Stanley Kubrick. Con Jack Nicholson, Shelley Duvall, Danny Lloyd, Scatman Crothers

Dopo aver perso il lavoro d’insegnante d’inglese per problemi di alcolismo, lo scrittore Jack Torrance (Nicholson) si trasferisce con la moglie Wendy (Duvall) e il figlioletto Danny (Lloyd) in un hotel sulle Montagne Rocciose, l’Overlook, quale guardiano d’inverno, stagione in cui l’hotel è completamente deserto. Jack ignora che proprio in quel luogo, qualche anno prima, un suo predecessore impazzì sterminandovi l’intera famiglia. L’Overlook Hotel, ancora “impregnato” di quanto accaduto nel suo sanguinoso passato, rivela presto la sua “verità” attraverso inquietanti apparizioni.

Mentre gli spaventosi fenomeni fanno emergere le latenti facoltà extrasensoriali di Danny (lo shining, “luccicanza”, ovvero la preveggenza), Jack sprofonda in una progressiva schizofrenica follia, sino a divenire un pericolo mortale per moglie e figlio, isolati ad alta quota da una tempesta di neve e senza alcun aiuto su cui contare. O forse no…

Danny Lloyd

Un thriller di grande effetto spettacolare, ma anche una lucida riflessione sulle radici del Male nascoste nell’essere umano. Tratto dall’omonimo romanzo di Stephen King, il film rivisita i canoni del genere horror con un’essenzialità narrativa straordinaria (prossima al rispetto della regola aristotelica delle tre unità) contaminandoli con suggestioni e ambiguità disturbanti che l’uso della steadycam, con le sue interminabili carrellate fluttuanti, sottolinea (Mereghetti).

Più che un film horror, è un thriller fantastico di parapsicologia che precisa, dopo 2001: Odissea nello spazio e Arancia meccanica, la filosofia del regista. L’aneddotica di Stephen King diviene fiaba e occasione di rilettura di molti miti: da quello di Saturno a quello di Teseo e del Minotauro, per finire con quello d’Edipo (Morandini). Da sottolineare anche il pregio del doppiaggio di Jack Nicholson ad opera di Giancarlo Giannini. Nella versione estesa in onda questa sera, sarà possibile vedere 24 minuti aggiuntivi rispetto al director’s cut di Kubrick uscito all’epoca nelle sale. Qui il trailer

Segnaliamo inoltre (salvo imprevisti):

Cogan – Killing them Softly (2012, regia di Andrew Dominik) su Iris alle 12.55, trailer

Complotto di famiglia (1976, regia di Alfred Hitchcock) su Rete4 alle 16.10, una scena del film

Le due verità (2018, regia di Sandra Goldbacher) su Paramount Network alle 21.10, trailer originale

Il figlio dell’altra (2012, regia di Lorraine Levy) su Tv2000 alle 21.10, trailer

Valerian e la città dei mille pianeti (2017, regia di Luc Besson) su Rai2 alle 21.20, trailer 

Dove osano le aquile (1968, regia di Brian G. Hutton) su Iris alle 23.20, una scena in versione originale e la nostra recensione

The Others (2001, regia di Alejandro Amenábar) su Italia1 alle 0.10, trailer

Programmazione odierna in pay-tv:

Sky

Fox

Mediaset Premium

Discovery Channel

Fonti

FilmTv ©1993-2021 Tiche Italia s.r.l.

Paolo Mereghetti, Il Mereghetti. Dizionario dei film 2021 © 2020 by Paolo Mereghetti, Baldini+Castoldi s.r.l., Milano

Laura, Luisa e Morando Morandini, il Morandini su www.mymovies.it

error: Content is protected !!