Crea sito

Dopo American Horror Story e Ratched, Sarah Paulson diventa “mamma infernale” in Run

Kiera Allen e Sarah Paulson in Run

Chloe Sherman (Kiera Allen), adolescente disabile piagata da varie malattie, costretta su una sedia a rotelle e ad assumere diversi farmaci, è accudita dalla solerte madre Diane (Sarah Paulson), con la quale ha un rapporto apparentemente idilliaco. Brillante studentessa istruita da sempre a casa, Chloe attende con trepidazione il riscontro di uno dei tanti college ai quali ha fatto domanda di ammissione. Riscontro che purtroppo non arriva mai malgrado la madre la inviti costantemente a non disperare. Ma quando scopre per caso un farmaco sconosciuto fra quelli che Diane le somministra, per Chloe si spalanca una finestra su un baratro di dubbi che presto si trasformano in atroci sospetti sulla madre, e di lì a poco in un incubo inimmaginabile che rimette in gioco tutte le sue certezze e la sua stessa esistenza, sfociando in un orrore senza fine.

Disponibile su Netflix e in questo periodo anche nelle sale cinematografiche, il film diretto da Aneesh Chaganty dopo l’acclamata prova di Searching si fonda sulla bravura delle due protagoniste principali, in primis l’esordiente Kiera Allen, prima attrice disabile a recitare in un thriller da 72 anni a questa parte, coadiuvata dalla “mamma infernale” Sarah Paulson, ormai autentica regina dell’urlo reduce dai successi di American Horror Story e Ratched. La trama si dipana sempre più disturbante strizzando l’occhio a Mammina cara, Carrie – Lo sguardo di Satana, Misery non deve morire (una farmacista nel film si chiama Kathy Bates in esplicito omaggio all’interprete del film tratto da Stephen King), ma anche al classico Che fine ha fatto Baby Jane? che vedeva una Joan Crawford paralitica tormentata da una folle Bette Davis, con la scala ponte dimensionale tra la claustrofobica prigionia e la possibile libertà. Anche se, come nel film cult di Robert Aldrich, i legami fra vittima e aguzzina potrebbero essere più complessi e inestricabili di quanto si pensi…

error: Content is protected !!