Crea sito

Film Tv domenica 4 aprile: La grande bellezza, L’intrigo della collana, Francesco

Film Tv domenica 4 aprile 2021. Tra i film in prima serata sui principali canali del digitale terrestre oggi vi segnaliamo: La grande bellezza di Paolo Sorrentino, L’intrigo della collana di Charles Shyer, Francesco di Liliana Cavani.

Cine 34, 21.00

Toni Servillo è Jep Gambardella ne La grande bellezza

La grande bellezza (drammatico, ITA/FR, 2013) regia di Paolo Sorrentino. Con Toni Servillo, Carlo Verdone, Sabrina Ferilli, Carlo Buccirosso, Iaia Forte, Pamela Villoresi, Galatea Ranzi, Franco Graziosi, Giorgio Pasotti, Massimo Popolizio, Sonia Gessner, Luca Marinelli, Giovanna Vignola, Antonello Venditti, Serena Grandi, Ivan Franek, Dario Cantarelli, Lillo [Pasquale Petrolo], Anita Kravos, Massimo De Francovich, Giusi Merli, Roberto Herlitzka, Isabella Ferrari, Anna Della Rosa, Annaluisa Capasa, Giulio Brogi, Fiammetta Baralla, Severino Cesari, Paolo Repetti, Fanny Ardant, Giulia Di Quilio, Giovanni Farneti

Jep Gambardella (Servillo), giornalista napoletano da tempo trasferito a Roma, è un disilluso uomo di successo che non ha più scritto libri dopo l’apprezzato L’apparato umano. Al grande party con cui festeggia i suoi 65 anni si accalcano, “nel vortice della mondanità”. frequentatori che paiono la parodia di se stessi. Romano (Verdone), drammaturgo frustrato e cavalier servente di donne profittatrici; Lello (Buccirosso) produttore di giocattoli, erotomane inguaribile, sposato con Trumeau (Forte); la ricca Viola (Villoresi), segnata dalla follia del figlio; Dadina (Vignola), la nana capo del giornale per cui Jep lavora; Stefania (Ranzi), scrittrice con appoggi politici. Fra tutti spicca Ramona (Ferilli), spogliarellista non più giovane, un po’ rifatta fuori, ma intatta dentro. La lingua biforcuta di Jep infilza tutti con velocità e precisione, mentre ci si trascina tardamente tra brusio e pettegolezzo in una Roma caput mundi che non si è accorta del degrado del mondo circostante e che il marcio parte dalla testa.

Un solo fotogramma dell’omaggio di Sorrentino a La terrazza di Ettore Scola

“Sorrentino ripercorre La dolce vita 50 anni dopo (molti sono gli spunti ripresi dal film di Fellini), ma questo non è un momento epocale, i quadri che Sorrentino compone sono disomogenei, talvolta sono piccoli capolavori (la pennellata dell’incontro notturno con Fanny Ardant). Altri sembrano solo pittoreschi (il cardinale cuoco, gli artisti performanti). Funzionano meglio i dialoghi. (IlMorandini). “[…] un carnevale d’immagini vagamente collegate, a base di feste che durano tutta la notte, festini dell’alta società e oscure riunioni di religiosi […]

un brillante colpo di cinema che fa scoppiare il cuore, fa viaggiare la mente e fa ruggire l’anima” (Robbie Collin, Daily Telegraph). Per noi, un’opera d’arte. Oscar al miglior film straniero nel 2014. Qui il trailer.

Paolo Sorrentino, l’Oscar e Toni Servillo

Iris (canale 22) 21.00

Hillary Swank è Jeanne de Valois ne L’intrigo della collana

L’intrigo della collana (The Affair of the Necklace, storico, USA, 2001) regia di Charles Shyer. Con Hilary Swank, Simon Baker, Adrien Brody, Jonathan Price, Brian Cox, Joely Richardson, Christopher Walken

Nella Francia prerivoluzionaria, sotto il regno di Luigi XVI e Maria Antonietta (Richardson), la bella e spregiudicata Jeanne (Swank), discendente della decaduta famiglia nobile dei Valois, persegue lo scopo di vendicarsi dei Borboni usurpatori del trono dei suoi avi, disposta a tutto per tornare ai fasti e all’opulenza che è convinta le spettino di diritto.

Assieme al marito Nicolas de La Motte (Brody) e al gigolò Rétaux de Villette (Baker) circuisce il Cardinale De Rohan (Pryce), caduto anni prima in disgrazia con la regina Maria Teresa D’Austria madre di Maria Antonietta, e inviso a quest’ultima, promettendogli di restituirlo alle grazie della sovrana di Francia. Strumento dell’inganno, una sfarzosa e inestimabile collana commissionata dall’ex sovrano Luigi XV per la favorita Madame Du Barry. Gioiello che, completato solo dopo la prematura morte del re, è stato poi proposto a Maria Antonietta, rifiutatasi però di acquistarlo.

Joely Richardson è la regina Maria Antonietta

Con l’aiuto di un altro alleato, il Conte di Cagliostro (Walken), Jeanne convince il Cardinale di Rohan ad acquistare la collana per donarla a Maria Antonietta, arrivando a falsificare lettere e a organizzare abboccamenti con una prostituta sosia della regina. Artefici o vittime inconsapevoli di un vortice d’inganni sempre più turbinoso, i protagonisti dello “scandalo della collana” finiranno inesorabilmente alla sbarra in un clamoroso processo che scuoterà tutta la Francia, accelerando così la caduta della monarchia e la fine sanguinosa della stessa Maria Antonietta.

Tratto dalla storia vera dell’elaborato complotto che sconquassò gli equilibri già precari della Francia della seconda metà del Settecento, e passato quasi inosservato ai tempi dell’uscita nelle sale, L’Intrigo della collana è comunque un film garbato e gradevole agli occhi, con attori che recitano in maniera ineccepibile la loro parte, paludati nei sontuosi costumi della nostra Milena Canonero. Jeanne de Saint-Rémy de Valois de La Motte è un personaggio dalle mille sfaccettature tutto da scoprire e da confrontare con il personaggio omonimo nella serie animata cult Lady Oscar di Riyoko Ikeda, dov’era la perfida “rosa nera che sbocciava di notte”, manipolatrice senza scrupoli e pronta a tutto, ma d’irresistibile fascino. Qui il teaser

Jeanne de Valois Lady Oscar
Jeanne de Valois nella serie animata Lady Oscar

Rai Storia (canale 54), 21.15

Mickey Rourke è Francesco

Francesco (biografico, ITA, 1989) regia di Liliana Cavani. Con Mickey Rourke, Helena Bonham Carter, Andréa Ferréol, Mario Adorf, Fabio Bussotti, Riccardo De Torrebruna, Paolo Bonacelli

Francesco (Rourke), figlio del ricco commerciante di tessuti Pietro Bernardone, vive la sua giovinezza in Assisi tra giochi d’arme e baldorie finché non si trova costretto ad abbracciare le armi. Ma l’aver preso parte a una guerra lo porta a ripudiarla e a condividere l’esempio di vita di Gesù Cristo.  Il padre in un primo momento non crede alla sua vocazione religiosa. Ma attorno a lui cominciano presto a radunarsi gli amici di sempre; e Chiara (Bonham Carter), della nobile e ricca famiglia degli Offreducci.

Helena Bonham Carter è Chiara

La sua professione di povertà è presto oggetto di scandalo. E assolutamente rivoluzionaria è la sua idea che all’orgoglio e all’egoismo si possa rispondere con l’umiltà e la carità. Ma, nonostante lo scherno, la gioia con cui Francesco riesce a rispondervi è tale da muovere sempre più persone a sé. Francesco, insieme agli amici Bernardo e Pietro, si reca quindi a Roma da papa Innocenzo III per chiedere l’autorizzazione a radunarsi in assemblea (nel significato di costituire un’ecclesia) e a predicare. Ma anche per rassicurare sul potenziale “rivoluzionario” della sua vocazione. E, grazie anche alla garanzia del Cardinale Colonna, il Papa autorizza la prima regola francescana.

Alla prima farà seguito la seconda, ispirata al Vangelo. Sarà frate Leone a trascriverla sotto dettatura; e alcuni frati a rifiutarla perché ritenuta troppo rigida. La delusione si aggiungerà così alla cecità e alla malattia e Francesco morirà il 4 ottobre 1226 nella Porziuncola (una piccola chiesa ai piedi di Assisi, ormai celebre): il luogo che aveva visto nascere l’assemblea francescana.

E, a due anni dalla sua morte, saranno proprio le parole di Chiara, e dei frati “biografi”, a narrare il secondo film di Liliana Cavani su Francesco d’Assisi (su cui tornerà nel 2014), scritto con Roberta Mazzoni, che illustra la vita di colui che ha rivoluzionato la Chiesa.

“La Cavani sceglie il registro mitico senza alcuna concessione all’agiografia tradizionale. Il suo secondo Francesco, molto simile al Cristo, è un outsider, un homeless, un hippie, votato alla castità, un ribelle radicale e fondamentalmente solitario , non tanto un santo del XIII secolo quanto un antieroe contemporaneo. La scelta di Rourke si rivela azzeccata per ragioni ben diverse dalla diffusione commerciale: sorprendentemente michelangiolesco nel fisico, verosimilmente più incline all’azione che alla contemplazione, sufficientemente carismatico per spiegare il proselitismo e altrettanto sensuale per rendere plausibile la devota e ricambiata attrazione di Chiara. Splendida la fotografia livida e ricca di controluci di Beppe Lanci” (Mereghetti). Qui il film su YouTube

La regista Liliana Cavani sul set

Segnaliamo inoltre:

Volver – Tornare (2006, regia di Pedro Almodóvar) su Iris alle 9.55, trailer

Miseria e nobiltà (1955, regia di Mario Mattòli) su RaiMovie alle 10.15, trailer

Travolti da un insolito destino … (1974, regia di Lina Wertmüller) su Cine 34 alle 10.15, una scena e la nostra recensione

Spartacus (1960, regia Stanley Kubrick) su Rete4 alle 12.30, il trailer originale e la nostra recensione

Operazione sottoveste (1959, regia Blake Edwards) su La7 alle 14.40, una scena

I predatori dell’arca perduta (1981, regia Steven Spielberg) su Paramount Network alle 15.00, trailer e nostra recensione

L’ultima caccia (1955, regia Richard Brooks) su Rete4 alle 16.40, il trailer originale

L’armata Brancaleone (1966, regia Mario Monicelli) su RaiMovie alle 17.55, trailer

Indiana Jones e l’ultima crociata (1989, regia Steven Spielberg) su Paramount Network alle 19.00, trailer

Il grande silenzio (1968, regia di Sergio Corbucci) su La7Gold alle 19.00 trailer 

Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo (2008, regia Steven Spielberg) su Paramount Network alle 21.10, trailer

El Cid (1961, regia di Anthony Mann) su La7Gold alle 21.15, il trailer originale

Sette anni in Tibet (1997, regia di Jean-Jacques Annaud) su La7 alle 21.15 trailer

Zoo – Un amico da salvare (2017, regia di Colin McIvor) prima visione televisiva su Canale5 alle 21.50, teaser

I fratelli Grimm e l’incantevole strega (2005, regia Terry Gilliam) su Paramount Network alle 23.00, trailer

Bright Star (2009, regia Jane Campion) su Rai5 alle 23.10, trailer e nostra recensione

Little Children (2006, regia Todd Filed) su Iris alle 23.30, il trailer originale

La dolce vita (1960, regia Federico Fellini) su Cine34 alle 23.45, la scena da antologia

Il segreto del bosco vecchio (1993, regia Ermanno Olmi) su Rete4 alle 1.55, trailer

Programmazione odierna in pay-tv:

Sky

Fox

Mediaset Premium

Discovery Channel

Fonti

FilmTv ©1993-2021 Tiche Italia s.r.l.

Paolo Mereghetti, Il Mereghetti. Dizionario dei film 2021 © 2020 by Paolo Mereghetti, Baldini+Castoldi s.r.l., Milano

Laura, Luisa e Morando Morandini, il Morandini su www.mymovies.it

www.cinematografo.it

www.youtube.com

error: Content is protected !!