Crea sito

Sprechi Rai. Il Consigliere Laganà indaga sui costi dei programmi Tv

laganà programmi Tv Sprechi Rai
Antonella Clerici

Sprechi Rai. Il Consigliere di Amministrazione in quota Dipendenti Riccardo Laganà ha inviato ai primi di novembre 2020 una lettera ai vertici di della Tv pubblica, al CdA, al Magistrato della Corte dei Conti, al Collegio Sindacale Rai e al Direttore Governance per avere contezza dei costi dei programmi televisivi di Rai1, Rai2, Rai3. Nel mirino del Consigliere: Uno Mattina, Storie Italiane, La Vita in Diretta, E’ sempre mezzogiorno, Oggi è un altro giorno per quanto riguarda Rai1. I Fatti Vostri, Detto Fatto per quanto concerne Rai2. Agorà e Mi manda RaiTre per la Terza rete Rai.

Sprechi Rai: la lettera di Riccardo Laganà ai vertici

Scrive il Consigliere nella lettera: “Nell’ottica della razionalizzazione dei costi da molto tempo si dibatte in seno al Consiglio di amministrazione di limitare a reali casi di necessità il numero dei collaboratori artistici e autori all’interno dei programmi, in modo particolare nei contenitori quotidiani. Ricordo che il tema fu oggetto anche di un comitato endoconsiliare sul prodotto.

I tredici autori di Oggi è un altro giorno

Proprio ieri abbiamo, a tal proposito, trattato il caso di Oggi è un altro giorno con i suoi tredici autori. “La politica di risparmi” – prosegue Riccardo Laganà – “si è tradotta in una riduzione di budget destinato alle Reti che non vuol pero’ dire riduzione del perimetro delle esternalizzazioni. Infatti ad oggi non sappiamo come poi tale decisione sia stata declinata dalle Reti. E’ auspicabile – in tempi di crisi e contrazione dei ricavi – che sia stata attuata, oltre ad una riduzione dei compensi più onerosi, anche una riduzione del numero di autori e collaboratori presenti nei programmi“.

Costi, legami agenti-autori, conflitti d’interesse

Quindi, riguardo ai programmi Rai di cui sopra, il Consigliere precisa: “Si chiede di sapere, per ciascuna produzione, il numero di autori e collaboratori esterni e rispettivi costi”. E ancora: “Si chiede di avviare un accertamento ispettivo interno su tutti i programmi delle tre principali Reti Rai in particolare nei programmi menzionati per accertare eventuali legami/connessioni tra agenti ed autori e in più in generale il rispetto puntuale, puntata per puntata, del tetto del 30% nel rapporto agenti/artisti previsto dalla policy Rai in materia“.

Il caso Andrea Di Carlo

La lettera si conclude con il riferimento al caso di Andrea Di Carlo, autore di Oggi è un altro giorno ma anche manager degli ospiti della trasmissione, come per esempio Arisa. Successivamente Di Carlo ha lasciato il programma dopo l’indagine di VigilanzaTv. Al riguardo, tuttavia, continua l’inchiesta interna alla Rai partita dallo stesso Consigliere Laganà e dalle interrogazioni del Segretario della Vigilanza Michele Anzaldi (Iv) e del Senatore Alberto Airola (M5s).

Ancora nessuna risposta dai vertici Rai

A nessuno degli interrogativi sopra elencati e presentati dal Consigliere Laganà ai primi di novembre, i vertici Rai, a tutt’oggi mercoledì 22 dicembre 2020, hanno dato la benché minima risposta.

.

error: Content is protected !!