Crea sito

USIGRai scende in piazza: “Basta rinvii, la Rai ha bisogno con urgenza di un nuovo vertice”

Vittorio Di Trapani USIGRai presidio rinnovo vertici Rai piazza santi apostoli roma
Vittorio Di Trapani, Segretario dell’USIGRai

Mentre prosegue l’iniquo stallo sul rinnovo dei vertici Rai denunciato dal Segretario della Commissione di Vigilanza Michele Anzaldi, con la procrastinazione dell’Assemblea degli Azionisti dell’azienda e le lotte fra partiti politici per mantenere o piazzare ex novo i loro “referenti” in Consiglio di Amministrazione (se non sulle poltrone di Ad e di Presidente), ecco che l’USIGRai scende in piazza per chiedere a gran voce che si proceda alla nomina dei nuovi vertici. D’intesa con la Fnsi, ha infatti convocato un presidio per mercoledì 16 giugno alle ore 11.30 a Roma, in Piazza Santi Apostoli.

Leggiamo da un comunicato ufficiale diffuso dal segretario nazionale Vittorio Di Trapani e firmato dall’esecutivo USIGRai: “Basta rinvii: la Rai ha bisogno con urgenza di un nuovo vertice. Questa attesa da parte del governo e del Parlamento è inspiegabile, e dannosa per l’azienda. Chiunque la conosca, sa che da settimane è praticamente ferma“.

E ancora: “Tempo perso, visto che non è stato utilizzato né per aprire un dibattito pubblico sugli obiettivi del Servizio Pubblico, né per far avanzare la riforma della governance. Le logiche spartitorie e lottizzatorie costringono invece la Rai a un pantano pericoloso, i cui danni saranno scaricati su lavoratrici e lavoratori. Eppure i dipendenti la propria parte l’hanno fatta: hanno eletto già alla prima votazione il proprio Consigliere di Amministrazione, confermando Riccardo Laganà con oltre il 45% dei voti totali“.

L’USIGRai quindi precisa: “Lo diremo al presidio: basta perdite di tempo, basta pantano, basta rinvii. La Rai ha diritto a un Consiglio di Amministrazione pienamente operativo che rimetta in modo l’azienda. Il 16 giugno sarà il 30esimo compleanno di Patrick Zaki. Per questo il presidio si aprirà con la richiesta di libertà per lo studente dell’Università di Bologna, rinchiuso in carcere in Egitto in detenzione preventiva da oltre 1 anno“.

error: Content is protected !!